CAV VITTORE BUZZI
EMILIO BAVIERA

iL cENTRO DI aIUTO ALLA famiglia DALLA PARTE DEL NASCITURO. il cav AIUTA QUALUNQUE PROBLEMATICA ATTINENTE ALLE FAMIGLIE ALLE PRESE CON GRAVIDANZE DIFFICILI A CAUSA DI DISAGI ECONOMICI, PSICHICI ECC... uNO STAFF DI pASICOLOGHE IN AIUTO AI NASCITURI

CAV BUZZI-SACCO Centro per LA FAMIGLIA è uno Sportello aperto tutti i giorni che accoglie e segue queste problematiche. Progetto di sostegno PSICOLOGICO alla famiglia e in particolare alle NEO MAMME afflitte da problematiche familiari derivanti da abusi o dalla coscienza di avere davanti a se momenti di grossa difficoltà a portare avanti una gravidanza. CAV BUZZI Centro per LA FAMIGLIA è uno Sportello aperto tutti i giorni che accoglie e segue queste problematiche. Nel 2017 si prevede di estendere lo stesso progetto all’ospedale Sacco di Milano per aiutare sempre più donne e famiglie. OBIETTIVO: SUPPORTARE PSICOLOGICAMENTE LE DONNE E LE FAMIGLIE IN CASO DI GRAVIDANZE DIFFICILE DOVUTE A PROBLEMATICHE SANITARIE , ECONOMICHE O DI ABUSI Questo progetto nato e sperimentato svolgendo un’attività di volontariato all’interno dell’Ospedale BUZZI DI MILANO si pensa di esportarlo e ampliarlo in un ulteriore ospedale: SACCO DI MILANO. I Problemi che devono affrontare le donne in alcune circostanze sono sempre gli stessi e sempre più ospedali hanno bisogno della presenza di Associazioni di Volontariato come il CAV per un supporto psicologico. Ad alcune future mamme può essere stato diagnosticato un problema di tipo genetico-strutturale del feto. Ad altre mamme è capitata la sventura di perdere un bambino desiderato. Infine altre donne hanno dovuto abortire per condizioni economico-sociali; e ne portano i segni a livello psicologico. Queste sono ferite profonde che non possono essere seguite a lungo termine dalle normali strutture psico-sociali presenti all’interno dell’Ospedale. Ecco che il nostro Centro PER LA FAMIGLIA si prefigge di seguire al lungo termine 12 mesi (se necessita di più) tutte le famiglie che faranno richiesta. Verrà comunicato loro la presenza di questo servizio, che in collaborazione con l’Ospedale Buzzi. Ma il CAV si propone di assistere le famiglie nel loro complesso se si trovano a confronto con la gestione della malformazione del loro bambino o problematiche sopracitate. Riportiamo alcune situazioni che descrivono l’attività che il CAV BUZZI SUPPORTA : • Le diagnosi dubbie • Malformazioni in gravidanza • Bambini nati morti • Aborti spontanei • Post-aborto Il Cav del Buzzi aiuta LE FAMIGLIE col sostegno psicologico, colloqui quindicinali o anche settimanali. In caso di gravidanze difficili, a domicilio. Interviene con contributi economici, destinati alle mamme che arrivano entro la dodicesima settimana di gravidanza. C'è il fondo Nasko della Regione, cento euro per i primi otto mesi e duecento euro per i successivi nove. C'è il fondo Gemma «Adotta una mamma, aiuta il suo bambino» (progettogemma@mpv.org numero verde 800.813000), frutto di donazioni private, che consente di erogare 160 euro al mese per 18 mesi. E poi pannolini, corredini, latte a prezzi scontati, buste della spesa per le famiglie numerose.

http://cavbuzzi.blogspot.it/

CONDIVIDI IL PROGETTO
SUI TUOI SOCIAL