Semi di Pace International Onlus
Luca Bondi

Con il progetto «Vita - Gianni Astrei», Semi di Pace International Onlus interviene a sostegno dei bambini con disabilità psico-motoria che vivono nei villaggi della foresta amazzonica peruviana, nella regione di Loreto, appartenenti alle culture Shawi, Jeberina, Murato, Aguajum e Riberena.

La Regione di Loreto, in Alta Amazzonia, rappresenta una delle zone più povere del Perù, caratterizzata da un'economia di sussistenza e da un basso indice di sviluppo umano. Nelle aree rurali di Yurimaguas, Balsapuerto e San Gabriel de Varadero, la popolazione risente di un alto grado di marginalizzazione rispetto al contesto urbano, in termini socio-economici e di accesso ai servizi di base. Secondo l’ultimo rapporto UNDP, la mortalità infantile nella regione è del 98,3 per ogni mille nati vivi, mentre il livello di denutrizione cronica si attesta intorno al 66%. Nel campo dell’istruzione, il 20% dei bambini non frequenta la scuola e il ritardo scolastico raggiunge il 31% degli adolescenti. In ambito sanitario, oggetto della presente proposta di intervento, il 60% della popolazione non ha accesso a servizi efficienti in termini qualitativi e quantitativi, mentre soltanto il 12% dei pazienti con disabilità riceve cure mediche adeguate, a causa della carenza delle infrastrutture e alla mancanza di personale qualificato. I costi che le famiglie devono affrontare comprendono le spese dirette per gli spostamenti verso Lima, il ricovero all'interno di strutture private e costi in termini di opportunità, come la perdita di reddito durante il periodo di assistenza. Presso le comunità native del Perù amazzonico le famiglie con un disabile a carico sono inoltre esposte a forme di discriminazione culturale ed emarginazione sociale. L’associazione umanitaria Semi di Pace International Onlus sostiene il centro di accoglienza e riabilitazione «Hogar Maria di Nazareth» di Yurimaguas, gestito dalla Congregazione Laica delle Missionarie di Gesù. La struttura ospita bambini e ragazzi con gravi forme di disagio psichico e motorio, appartenenti alle culture Shawi, Jeberina, Murato, Aguajum e Riberena. Il programma di intervento prevede l’accoglienza dei minori abbandonati dalle famiglie, il ricovero pre-operatorio e la riabilitazione post-operatoria, programmi di fisioterapia ricostitutiva e di mantenimento, visite neurologiche e l’acquisto degli apparati medicali. L’associazione organizza inoltre missioni di natura sanitaria coordinate da un’èquipe di specialisti, prestando gratuitamente cure mediche specifiche e contribuendo alla formazione del personale locale.

http://www.semidipace.it/

CONDIVIDI IL PROGETTO
SUI TUOI SOCIAL