aGIRE sOCIALE
LAURA RONCAGLI

Il Mantello si caratterizza in primis come una forma di sostegno al reddito per un periodo che va dai 6 ai 18 mesi come massimo, attraverso la distribuzione di beni di prima necessità a persone e nuclei familiari in condizione di impoverimento, attraverso un luogo tipo “market” che permette la scelta dei prodotti più adeguati al soddisfacimento del proprio fabbisogno nutrizionale. Il Mantello vuole proporsi anche come uno strumento capace di attivare servizi ed accompagnamenti alla persona capaci di valorizzare e rinforzare l’empowerment dei beneficiari, attraverso opportunità formative, orientamento al lavoro e ai servizi socio-sanitari, gestione del bilancio familiare, educazione al consumo consapevole, promozione della cittadinanza attiva e tanto altro.

A CHI SI RIVOLGE Il Mantello si rivolge a persone che rischiano di scivolare da una situazione di impoverimento ad una di povertà ed esclusione sociale: persone che a causa della perdita del lavoro, pur avendo le competenze e le capacità di essere autonome, hanno visto svanire le loro certezze e si trovano oggi in una condizione grave di vulnerabilità, anche emotiva e psicologica. Stiamo parlando dei cosiddetti nuovi poveri a volte chiamati “gli invisibili”, proprio perché non facilmente intercettati dai Servizi e dal volontariato storicamente impegnato nel contrasto alle povertà. COME FUNZIONA Le persone/nuclei familiari ammessi verranno dotati di una tessera a punti calcolata in base alla complessità familiare. La tessera si ricarica mensilmente e permette l’accesso al market e ai servizi connessi per un periodo di 6 mesi. E’rinnovabile per altri 6 – 12 mesi in base alla persistenza o meno della condizione di difficoltà e alla «generatività» del percorso. Un patto di co-responsabilità tra la persona e «Il Mantello» impegna entrambi in un percorso che non vuole essere solo assistenziale, ma capace di condividere e monitorare reciprocamente obiettivi e risultati di percorso. COME ACCEDERE Il 5 agosto 2016 è uscito un bando rivolto a residenti e regolarmente soggiornanti nel Comune di Ferrara, Masi Torello, Voghiera. Le domande pervenute entro il 30 settembre 2016 verranno vagliate da una apposita commissione in stretta sinergia con i servizi sociali e le associazioni impegnate nel contrasto alla povertà assoluta. La commissione valuterà i carichi familiari e la condizione di fragilità al fine di ammettere le prime 50 famiglie (che cresceranno fino ad un massimo di 200 in contemporanea a pieno regime). LA METODOLOGIA: IL LAVORO DI COMUNITA’ Rispondere ai bisogni delle persone che stanno scivolando in una condizione di impoverimento richiede di individuare e mettere in sinergia una molteplicità di risorse formali ed informali, provenienti anche da mondi che non sono abituati a dialogare, fino a comprendere “risorse di prossimità” e di cittadinanza attiva. Il Mantello si propone di facilitare l’attivazione di risorse comunitarie capaci di promuovere una migliore qualità della vita, prevenire situazioni di aggravamento e scivolamento in condizioni di povertà più grave, ma anche di affiancare i servizi attraverso la messa in campo di un modello integrativo rispetto all’esistente. In tale contesto di crisi e di tagli al sociale, un approccio trasversale capace di rafforzare i processi sociali di sollievo alla persona, nell’intento di massimizzare l’efficacia e ottimizzare l’efficienza risulta strategico e prioritario. La cabina di regia è lo strumento adottato per facilitare un’adeguata politica integrata e il lavoro di comunità. E’ una commissione mista costituita da Agire Sociale (ente gestore de il mantello), ASP Azienda Servizi alla Persona Ferrara e Comune di Ferrara con il compito di definire le politiche e le strategie dell’Emporio solidale e verificarne l’attuazione, individuando le azioni necessarie al raggiungimento degli obiettivi. Monitora gli step di percorso, compresi i risultati raggiunti e gli impatti sulla comunità. All’interno della cabina di regia, Agire Sociale è stata individuata come organizzazione capace di attuare operativamente le politiche e le strategie individuate. LA RESPONSABILITA’ SOCIALE DI IMPRESA In un ottica di welfare di comunità singoli cittadini, professionisti, realtà imprenditoriali possono collaborare sia al progetto che alla creazione e implementazione del catalogo delle opportunità generative. Il catalogo mette a disposizione opportunità con l’obiettivo di attivare e sviluppare le competenze delle persone beneficiarie, che avranno in tal modo più mezzi di prima per affrontare il periodo di difficoltà in cui si trovano. A titolo esemplificativo: - formazione (educazione alimentare, al risparmio familiare, alla riduzione di sprechi, ecc); - ospitalità attraverso stage e tirocini - consulenze e sostegno (psicologico, legale, ecc) Ad oggi hanno aderito tramite apposito accordo di Responsabilità Sociale di Impresa: BPER Banca, Coop Alleanza 3.0, Gruppo HERA, R.E.I. srl Telestense, Made, Dinamica Media, Bia Cous Cous, DELPHI International s.r.l., KRIFI Torrefazione Caffè SpA, Punto 3 S.r.l. Progetti per lo sviluppo sostenibile; Holding Ferrara Servizi srl; Worma Lightbuilding; UNIPASTA S.r.l.; PER MICRO spa; Cooperativa Sociale Camelot Officine Cooperative. Avviata collaborazione con Camera di Commercio di Ferrara, Associazioni di categoria, SINDACATI, CENTRO PER L'IMPIEGO, LEGA DELLE COOPERATIVE, CONFCOOPERATIVE, ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E DI PROMOZIONE SOCIALE CITTADINE.

http://www.ilmantelloferrara.it/

CONDIVIDI IL PROGETTO
SUI TUOI SOCIAL