Associazione LAB.ZEN 2 Onlus
Maria Giovanna Battaglia

Il riscatto sociale attraverso la bellezza. Questo è LAB ZEN 2, un progetto di promozione sociale e di solidarietà a favore di donne inoccupate, finalizzato all’apertura a Palermo di un laboratorio di sartoria e alla costituzione di una cooperativa di lavoro femminile per la creazione di accessori moda e borse in tessuto con il logo LAB.ZEN ². Il logo è simbolo, non solo in Italia, di un’eleganza speciale e densa di significato. Sostieni LABZEN 2 ? Sì! I tanti giornalisti che hanno scritto di LAB.ZEN 2 hanno messo in risalto il gigantesco valore simbolico e concreto di un progetto che punta sul riscatto umano, sociale e di genere per donne che non hanno avuto quel che si chiama “una buona partenza” e, insieme, la bellezza e raffinatezza delle borse realizzate. Vi chiedo di aiutare tutti noi, intesi come società, come mondo, sostenendo il rilancio di LAB.ZEN 2. Il Comune ci assegnerà un bene confiscato alla criminalità organizzata, ma per far ripartire il progetto servono anche i fondi. Nessuna cifra vi sembri troppo piccola o troppo grande. Grazie da Maruzza. LAB.ZEN 2 Onlus Presidente Maria Giovanna Battaglia Banca Nuova - Filiale Palermo N.10 - Mondello C/C N° 854 / 350353 Intestato a LAB.ZEN 2 Onlus Codice IBAN : IT 87 U051 3204 607 8545 703 50353 Causale delle donazioni: Contributo all'Associazione LAB.ZEN 2 Onlus

CURRICULUM DELL’ASSOCIAZIONE LAB.ZEN 2 ONLUS DATI ANAGRAFICI DELL’ASSOCIAZIONE Nome dell’Associazione: LAB.ZEN 2 Onlus Codice fiscale / partita Iva: 05767200826 Nome del Presidente: Dott.ssa Maria Giovanna Battaglia, nata a Palermo il 3/1/1949 Sede legale dell’Associazione: Via Alfredo Niceforo n.14 - 90149 Palermo Telefono: 091.451411 - 368.7853546 mail: maruzzabattaglia@gmail.com pagina facebook: Lab Zen 2 “LAB.ZEN 2 Onlus”, è un’Associazione autonoma che persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, svolgendo attività di formazione in favore delle donne socialmente svantaggiate dalla realtà del quartiere in cui vivono mediante la promozione del lavoro quale fattore di emancipazione e di sviluppo economico. BREVE STORIA E RELAZIONE SULL’ATTIVITÀ SVOLTA NEL TERRITORIO DALL’ASSOCIAZIONE. L'Associazione LAB.ZEN 2 Onlus si è costituita nel 2008 su iniziativa di Maria Giovanna Battaglia detta Maruzza che, facendo proprie le aspirazioni, i desideri, la voglia di cambiamento, la ribellione a un destino segnato dall’illegalità di alcune donne dello Zen, ha organizzato e sperimentato un laboratorio di sartoria che produce borse con marchio LAB.ZEN ². Maruzza Battaglia ha messo a disposizione dello ZEN, un quartiere che rappresenta il degrado urbano e umano della città, una solida esperienza nel campo della moda, acquisita in molti anni di conduzione di negozi storici di abbigliamento e sartoria a Palermo e avvalendosi della collaborazione della stilista, Marina Lo Verso, nota per l’impegno con la griffe Mali Parmi, una delle più di tendenza del Made in Italy. Il marchio LAB.ZEN ² è nato e si è affermato superando il pregiudizio e puntando sull’estrema qualità. La borsa LAB.ZEN ², bella in tutti i particolari, si distingue per la preziosità dei tessuti, per gli abbinamenti sempre originali di colori e materiali, per l'accuratezza dell'esecuzione che testimonia il valore della migliore tradizione italiana di artigianato sartoriale. Caratteristiche che il mercato ha subito premiato: le borse LAB.ZEN ² sono state vendute con successo, oltre che a Palermo, anche in molte città quali, Roma, Milano, Firenze, Torino, Venezia, etc. Le donne dello Zen hanno inoltre provato l’orgoglio di vedere la loro borsa al braccio principesco di Carolina di Monaco, a quello televisivo di Rita Dalla Chiesa, a quello managerial-politico di Letizia Moratti. Moltissimi i servizi giornalistici dedicati a LAB.ZEN ²: quotidiani e settimanali come Marie Claire, Vanity Fair, Zero 91, Cult, la Repubblica, il Magazine Sette del Corriere della Sera, Famiglia Cristiana, Donna Moderna e reti televisive come Radio 1 e Rai News 24, hanno messo in risalto come il laboratorio di sartoria ha significato riscatto sociale, appropriazione di un'identità, affermazione di legalità e si è saputo misurare con il mercato grazie alla capacità, tipicamente femminile, di unire la spinta ideale e la concretezza. Capacità che hanno portato il gruppo eterogeneo delle donne, “capitanate” da Maruzza Battaglia a superare ostacoli sociali e materiali non di poco conto. La finalità dell’Associazione LAB.ZEN 2 Onlus è quella di creare un laboratorio per le donne inoccupate e socialmente svantaggiate provenienti sia dal quartiere San Filippo Neri (ex ZEN) che da altri quartieri degradati di Palermo, con l’istituzione di una vera e propria scuola di cucito, di ideazione e disegno di modelli per il confezionamento, a macchina e/o a mano, di borse ed altri articoli e accessori di abbigliamento a marchio LAB.ZEN ². La necessaria costituzione di una cooperativa potrebbe assicurare alle partecipanti un futuro professionale. Sulla base delle esperienze precedenti Maruzza Battaglia ha verificato che le donne coinvolte nei percorsi hanno scoperto il lavoro come strumento di crescita personale e sociale e quindi di riappropriazione del proprio essere, sia in termini di rispetto che di autonomia e con il riconoscimento di capacità professionali e umane. Maruzza Battaglia ha sempre insistito sull’impeccabilità della confezione perché è sua precisa convinzione che proprio attraverso la bellezza si possa uscire dai ghetti. Sennò si tratta di retorica o assistenzialismo e non di vera crescita che è quella che si riflette sull’intera città di Palermo. IL PRODOTTO Ogni borsa è un “pezzo unico”, porta un nome di donna siciliana, Saridda, Nunziatella, Trinetta, Letteria, Oliva, Tindara, Liboria, Ninfa, Catena... ed anche di vocaboli siciliani, Rummuliusa, Murritusa, Chidda, Sanfasò, Virrina, Gigghiu, Ciaccula, Ciancianedda... Viene presentata con un cartoncino che racconta il progetto e la passione che sta dietro a questa creazione, divenuta negli anni oggetto di desiderio, per la bellezza e per il significato simbolico che rappresenta. La borsa è inoltre confezionata con carta ed eleganti nastri, per curare anche questo aspetto e per rimarcarne ancora di più la preziosità. DIFFUSIONE MEDIATICA Il progetto ha avuto visibilità sui principali magazine e quotidiani nazionali: Marie Claire, Vanity Fair, Zero 91, Cult, la Repubblica, Sette del Corriere della Sera, Famiglia Cristiana, Donna Moderna, Radio 1 e Rai News 24. Personaggi noti, quali Rita Dalla Chiesa, Letizia Moratti e Carolina di Monaco hanno acquistato e possiedono le borse LAB.ZEN 2 E’ stato questo un importante canale perché si è potuta raccontare l’appassionante storia ed il percorso dell’Associazione LAB.ZEN 2 Onlus nel quartiere, diffondendo in tal modo un’idea dello Z.E.N. ben diversa di quanto i media raccontavano normalmente e vendendo moltissime borse LAB.ZEN 2 Anche l’aspetto della promozione viene curato al fine di rendere nota questa iniziativa. MOSTRE, INIZIATIVE e CANALI COMMERCIALI Negli anni l’Associazione LAB ZEN 2 è stata invitata a molte mostre e le borse LAB.ZEN 2 sono state esposte e messe in vendita nei migliori negozi della città e d'Italia. INTERVISTE TELEVISIVE E RADIOFONICHE 2008: Palermo, allo Z.E.N. 2, intervista di Nadia Furnari, andata in onda il 9 luglio a Telejato: http://www.youtube.com/watch?V=Oc1bQAEaINo; 2009: Milano, in occasione dell’inaugurazione di un negozio in centro dell’Antica Focacceria San Francesco; Vincenzo Conticello aveva invitato Maruzza Battaglia ad esporre le borse LAB.ZEN 2, ritenendole un prodotto di eccellenza siciliana e come simbolo di riscatto di un quartiere degradato: http://www.youtube.com/watch?V=ehwrpp78gjy; 2010: intervista in diretta di Maurizio Costanzo in una trasmissione radiofonica; 2013: Palermo, nell’Insula 3 allo Zen 2, intervista di Giovanna Cucè, nota giornalista di Rai 3, andata in onda il 17 luglio: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/Cont... Perché l’Associazione possa raggiungere gli scopi per i quali è nata, perché il progetto di creazione di posti di lavoro legale, lavoro di donne, in una terra martoriata come la Sicilia possa realizzarsi è necessario lavorare in direzione del cambiamento, di chi dal basso vuole cambiare lo stato delle cose presenti. Grazie ai proventi delle donazioni per la vendita delle borse sino ad ora si è fatto fronte alle spese ma ora chiediamo un contributo che ci consenta di portare avanti il nostro progetto, di credere che un altro mondo sia possibile anche allo ZEN, anche a Palermo. La Presidente Maria Giovanna Battaglia

CONDIVIDI IL PROGETTO
SUI TUOI SOCIAL