centro studi sereno regis

Rappresentante legale: angela dogliotti

Categoria: sociale | Nov 13, 2018

Descrizione breve: Non bull-ARTI di me 4 KIDS si prefigge di contrastare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo nelle scuole secondarie di primo grado di Torino attraverso la formazione di “educatori alla pari” fra i ragazzi stessi e attraverso la promozione dell’espressione artistica.

IL TUO SOSTEGNO È IMPORTANTE

con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di crescere


371 voti raggiunti

Descrizione completa: Non bull-ARTI di me 4 kids lavora con bambini e adolescenti dai 10 ai 16 anni intercettandoli a scuola, l’obiettivo è contrastare i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo secondo alcuni principi: non realizziamo interventi sui singoli (bulli/vittime) ma sempre sui gruppi, perché il bullismo è una disfunzione delle dinamiche di gruppo; promuoviamo lo sviluppo di empatia come antidoto alla violenza fra pari e utilizziamo una metodologia basata sull'apprendimento non formale, l'imparare facendo e giocando. Non bull-ARTI di me 4 kids agisce secondo due filoni di attività, il primo prevede la formazione di ragazzi in qualità di educatori alla pari all'interno della scuola. A seguito della formazione i giovani educatori gestiscono autonomamente, con la sola supervisione dell’adulto, attività sugli aspetti relazionali nelle classi dei compagni più giovani, moltiplicando gli effetti del progetto. La struttura della peer-education contrasta la solitudine e il gruppo positivo intercetta, include e promuove la continuità nella partecipazione anche dei ragazzi e delle ragazze più timidi, isolati, ma anche di quelli che rischiano di avere un atteggiamento prevaricante. il gruppo di educatori alla pari diventa “antenna” di eventuale disagio e, una volta costituito, può anche uscire dalla propria scuola, organizzando attività per i bambini delle primarie e per i genitori. La chiave dell'intervento è la cura dell' altro. L'altro filone di attività è quello dell'espressione artistica tematizzata sul bullismo. Il bullismo diventa il tema di video, di programmi di web radio, di spettacoli di teatro dell'oppresso, dando la possibilità ai ragazzi di elaborare il problema e sue eventuali soluzioni in un contesto protetto, di prendere coscienza delle forme del fenomeno, essere creativi, sviluppare competenze che potenzialmente possono diventare passione e lavoro futuro.

http://serenoregis.org/

CONDIVIDI IL PROGETTO SUI TUOI SOCIAL