Ceis.gurppo giovani e comunità

Rappresentante legale: Sonia ridolfi

Categoria: sociale | Nov 19, 2018

Descrizione breve: PROGETTO HELIOS IL PROGETTO È RIVOLTO A RAGAZZI DI ETÀ COMPRESA TRA I 18 E I 25/26 ANNI CHE FANNO USO DI SOSTANZE PSICOTROPE ED ALCOL. IL PROGETTO PER QUESTO TIPO DI UTENZA SI INSERISCE ALL'INTERNO DEL PROGETTO STANDARD, DI CUI RICALCA I TEMPI ANCHE SE SI DIFFERENZIA PER ALCUNI ASPETTI COME UNA MAGGIORE FLESSIBILITÀ E L'APERTURA VERSO L’ESTERNO. L'OBIETTIVO DEL PERCORSO TERAPEUTICO È QUELLO DI CERCARE DI ACCOMPAGNARLI DA UNO STATO DI “IDENTITÀ DIFFUSA” A QUELLO DELLA “ACQUISIZIONE DELL'IDENTITÀ”, OSSIA PORTARLI VERSO L'ACQUISIZIONE DI UNA IMMAGINE DEL SÉ DIFFERENZIATA ED INTEGRATA (ERIKSON, 1950, 1968). LA COMUNITÀ SI PROPONE DI OFFRIRE UNA “PROTEZIONE FLESSIBILE”, VALE A DIRE UN ATTEGGIAMENTO CHE CONSENTA L'EMERGERE DEI BISOGNI DI AUTONOMIA E DI DIFFERENZIAZIONE E NEL CONTEMPO SIA SENSIBILE AI BISOGNI DI DIPENDENZA, PROTEZIONE E APPARTENENZA. OLTRE AD AFFRONTARE LA PROBLEMATICA DELLA DIPENDENZA E DELLA CRESCITA INDIVIDUALE, SI PROPONE UN PERCORSO CHE CONSENTA DI ACQUISIRE O RIACQUISIRE ALCUNE COMPETENZE. SI OFFRE LA POSSIBILITÀ: DI ATTIVARE CORSI DI FORMAZIONE PER AGEVOLARE IL POSSIBILE INSERIMENTO NEL MONDO DEL LAVORO PRENDERE LA PATENTE O RIPRENDERLA IN CASO DI RITIRO/SOSPENSIONE COMPLETARE IL PERCORSO SCOLASTICO SPERIMENTARSI IN CONTESTI RELAZIONALI ALTERNATIVI, SPORT, VOLONTARIATO, ATTIVITÀ CULTURALI, ECC. LA FINALITÀ, OLTRE A QUELLA DI NON INTERROMPERE IL LEGAME CON IL MONDO ESTERNO (FONDAMENTALE IN QUESTA FASCIA DI ETÀ), È QUELLA DI AUMENTARE IL SENSO DI EFFICACIA PERSONALE IN MODO DA CONTRASTARE I RINFORZI PROVENIENTI DALLE SOSTANZE E PERTANTO RIDURRE LA PROBABILITÀ DI RICADUTE.

IL TUO SOSTEGNO È IMPORTANTE

con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di crescere


3 voti raggiunti

Descrizione completa: L'INTERVENTO È MIRATO A: FACILITARE LO SVILUPPO DI UNA IDENTITÀ DIFFERENZIATA PROMUOVERE COMPORTAMENTI RESPONSABILI E SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI STABILIRE RAPPORTI INTERPERSONALI SEMPRE PIÙ MATURI E SODDISFACENTI IMPARARE AD OSSERVARE LE PROPRIE EMOZIONI E A COMPRENDERE LE REAZIONI COMPORTAMENTALI CHE NE DERIVANO ANALIZZARE MODELLI FAMILIARI DISFUNZIONALI E CONTEMPORANEAMENTE DARE SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ È IMPORTANTE, PERTANTO: CHE L'OPERATORE RESPONSABILE DEL PROGETTO EFFETTUI DEI COLLOQUI ALLO SPORTELLO NELLA FASE DI ORIENTAMENTO PER FAVORIRE UN APPROCCIO GRADUALE ALL'INGRESSO IN COMUNITÀ ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL PROGETTO E DELLE OPPORTUNITÀ CHE OFFRE COSTRUIRE UN PERCORSO CHE TENGA IN CONSIDERAZIONE QUELLE CHE SONO LE CARATTERISTICHE UNICHE DELL’INDIVIDUO, SIA A LIVELLO DELLA PROPRIA SOGGETTIVITÀ, SIA RISPETTO AL CONTESTO SOCIO-CULTURALE DI ORIGINE. CIÒ IMPLICA PER ES. LA POSSIBILITÀ DI UN INGRESSO DIRETTO IN FASE DI DISINTOSSICAZIONE, LA VALUTAZIONE DELLA PECULIARITÀ DI CASI PROVENIENTI DA REGIONI DIVERSE ETC. INDIVIDUARE NELL’ARCO DI UN TEMPO BREVE QUALI SONO GLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE SIA A LIVELLO TERAPEUTICO CHE A LIVELLO FORMATIVO E/O LAVORATIVO. IL LAVORO CENTRALE NEI PRIMI MESI DI PERMANENZA NELLA STRUTTURA È QUELLO DI CERCARE DI COMPRENDERE LA PERSONALITÀ DEL SOGGETTO, DI VALUTARE I SUOI PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA E IL FUNZIONAMENTO GLOBALE, AL FINE DI POTER LEGGERE ALL'INTERNO DI QUESTO QUADRO PIÙ AMPIO IL SUO DISAGIO. QUESTA FLESSIBILITÀ PERMETTE LORO, CHE SI SPERIMENTANO IN DIVERSI RUOLI E VIVONO IL QUOTIDIANO CONFRONTO CON GLI ALTRI, DI “FARE RITORNO” NELLA COMUNITÀ PER CONFRONTARSI, PER ELABORARE LE LORO ESPERIENZE E PER RICEVERE DEI CRITERI GUIDA CHE GLI SERVIRANNO NELL'ORIENTARE LE SCELTE FUTURE (SCABINI, 1995). STRUTTURA DEL PERCORSO IL LAVORO EDUCATIVO LE REGOLE INTERNE ALLA STRUTTURA, SVEGLIA , PRANZO E CENA NEGLI ORARI STABILITI LE RESPONSABILITÀ, PER VALUTARE LE CAPACITÀ SINGOLE NEL PORTARE AVANTI PROGRESSIVAMENTE I COMPITI ASSEGNATI LE RELAZIONI COME STIMOLO DI RIFLESSIONE SULLE MODALITÀ ADOTTATE IL LAVORO TERAPEUTICO L'IDENTITÀ, PER FACILITARNE IL SUO NATURALE SVILUPPO I COMPORTAMENTI PER PROMUOVERE COMPORTAMENTI SANI E RESPONSABILI LE EMOZIONI PER AIUTARLI AD ESPRIMERE, RICONOSCERE E CONDIVIDERLE IN MODO ADEGUATO ATTRAVERSO LE PAROLE I VISSUTI PER RIELABORARE LE ESPERIENZE PREGRESSE

http://www.ceislucca.it

CONDIVIDI IL PROGETTO SUI TUOI SOCIAL