pronto soccorso per le famiglie aps

Rappresentante legale: viviana callini

Categoria: sociale | Jul 2, 2020



Descrizione breve: IL progetto "#RIPRENDIAMOCIPERMANO” nasce per sostenere le vittime secondarie del coronavirus: il personale sanitario, prevenendo così i rischi connessi con il Disturbo Post Traumatico da Stress ed i familiari delle vittime al fine di contrastare la possibilità di sviluppare una depressione. il progetto si sviluppa a livello nazionale, offrendo i servizi anche in modalità online, con un focus nelle regioni della lombardia, emilia romagna e veneto. il progetto prevede la Creazione di uno sportello virtuale di ascolto e sostegno individuale con la possibilità di svolgere una consulenza psicologica a distanza; la Creazione di uno sportello virtuale di ascolto e sostegno individuale con la possibilità di svolgere una consulenza legale a distanza con i professionisti dell’Associazione tutti iscritti al gratuito patrocinio; l'Attivazione di percorsi di psicoterapia gratuiti; l'Attivazione di gruppi di sostegno con la presenza di uno psicoterapeuta che faciliti e conduca gli incontri al fine di promuovere il ritorno alla normalità ed il superamento del trauma e l'Organizzazione di interventi formativi ed informativi sulla gestione delle emozioni, sulle strategie adattative (coping), sulla gestione delle emozioni dei bambini, sulle strategie di autoprotezione e resilienza, oltre che sulle reazioni ai traumi e le relative strategie per superarli.



Il tuo sostegno è importante per la tutela del nostro patrimonio.
Con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di accumulare voti e di concorrere all'assegnazione della donazione.

100 voti raggiunti

Descrizione completa: Gli effetti del Covid sulla nostra popolazione, sulle nostre comunità, sono e saranno destinati a farsi sentire ben oltre l’emergenza. Se nelle prime due fasi abbiamo contato le vittime e ci siamo soffermati sui dati dei ricoverati, contagiati, guariti, a partire dalla fase 3 e ancora per parecchio tempo, dovremo fare tutti i conti con le conseguenze di questa pandemia che ha visto e vede coinvolto l’intero Paese. Con uno sguardo ai mesi che verranno, quelli nei quali auspicabilmente l’emergenza sociosanitaria sarà stata archiviata nelle sue manifestazioni macroscopiche ma non consentirà di abbassare la guardia, l’Associazione Pronto Soccorso per le Famiglie APS ha deciso di realizzare un progetto che possa sostenere le categorie di persone più colpite dal coronavirus, come il personale sanitario ed i familiari delle vittime. Il progetto “#RIPRENDIAMOCIPERMANO” rappresenta un’evoluzione del sostegno già fornito dai professionisti, psicoterapeuti ed avvocati, durante l’emergenza. Nella maggior parte della popolazione italiana si sono sviluppati, infatti, stati d’animo di preoccupazione, ansia, angoscia, paura ed impotenza. Il personale sanitario, in prima linea in questo periodo, ha vissuto una condizione familiare, lavorativa e psicologica molto stressante, con turni e ritmi insostenibili, accumulando così uno stress psicofisico molto elevato. Medici, infermieri ed operatori si trovano a dover fare i conti, da un lato, con i sentimenti di incertezza, ansia e paura provati di fronte al rischio del contagio e all’assenza di una terapia specifica per il coronavirus; dall’altro devono fronteggiare l’angoscia provata di fronte alla salute ormai compromessa di molti pazienti, ai quali hanno cercato di offrire conforto supplendo con partecipazione all’assenza dei loro cari. Tutto ciò mentre la quotidianità lavorativa ha presentato picchi di fatica e di stress inimmaginabili ed i riferimenti spazio-temporali sono stati stravolti: di qui l’idea di istituire un servizio psicologico che supporti queste professionalità in modo costante, anche con percorsi di piscoterapia nel corso dei mesi, rafforzando le strategie adattive di ciascuno (coping) per affrontare una situazione di emergenza come questa. Il sovraccarico emozionale causato dalla sforzo fisico dei turni senza pausa, lo stress emotivo per il senso di impotenza e la necessità di dover prendere decisioni molto difficili, sono condizioni che possono aver innescato e innescare una serie di disturbi psicologici. A questa realtà si aggiunge la situazione, dolorosa e faticosa, di tutti coloro che si sono trovati improvvisamente senza lavoro, dei nuclei costretti a subire difficili situazioni familiari a causa di una convivenza forzata o, anche, delle famiglie con minori, adolescenti e/o figli che fruiscono della legge 104/92, su cui pesa anche la mancanza di assistenza domiciliare e/o scolastica. Per tutte queste ragioni, Pronto Soccorso per le Famiglie APS intende prolungare il proprio sostegno già avviato nel clou dell’emergenza offrendo un servizio ancora più efficace. È molto probabile che gran parte del personale sanitario possa sviluppare un Disturbo Post Traumatico da Stress (PSTD) dalle conseguenze talora estreme. Ciò che è importante è far sì che il maggior numero di operatori possibile abbia accesso ad un servizio terapeutico, anche prima di arrivare a comprendere di averne bisogno, al fine di prevenire il rischio dell’insorgenza di patologie più gravi. Allo stesso modo i familiari delle vittime avranno la necessità di essere supportati per elaborare i propri lutti, fare i conti con la dipartita di persone care avvenuta senza essere potuti stare vicino, fisicamente e moralmente, all’ammalato e, addirittura, senza avergli dato l’ultimo saluto. Vivere un’esperienza di tale natura può rendere ancora più sofferente e difficile elaborare la perdita. L’Associazione prenderà in carico anche le problematiche legate sia al mondo del lavoro sia ad al-tri aspetti conseguenti al rimanere a casa, con la creazione di uno sportello di consulenza legale gratuito, oltre a quello psicologico. In buon numero si prevedono le richieste di pareri legali a proposito di perdita del posto di lavoro, problemi contrattuali, disagi economici e supporti economici previsti dai diversi decreti coronavirus; inoltre, molte le richieste di supporto ai genitori separati/divorziati/non più conviventi per l’affidamento dei figli o per i casi di violenza domestica e/o assistita nonchè per la lettura e l’approfondimento delle normative relative alla legge 104/92 rivi-sitate per l’emergenza o per le problematiche legate alla successione o all’affidamento dei figli. Grazie al sostegno del Gruppo Chiesi, #RIPRENDIAMOCIPERMANO si concentrerà, a partire dal mese di giugno 2020, sull’offerta dei servizi citati all’utenza dell’Emilia Romagna, Lombardia e Veneto, visti i picchi di emergenza in queste regioni, pur mantenendo la sua connotazione nazionale che intende rafforzare nei mesi a venire. DESTINATARI: Il personale sanitario ed i familiari delle vittime decedute a causa del coronavirus nelle regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. L’Associazione si impegna comunque a prendere in carico tutte le richieste di aiuto relative a situazioni di difficoltà vissute a seguito di tale emergenza. Obiettivi generali: Sostenere le vittime secondarie di questa pandemia: il personale sanitario prevenendo così i rischi connessi con il Disturbo Post Traumatico da Stress ed i familiari delle vittime nell’elaborazione del lutto, contrastando la possibilità di sviluppare una depressione. Obiettivi specifici: • Favorire il recupero di un nuovo funzionamento nella ripresa della quotidianità; • Favorire le capacità di resilienza; • Incrementare l’elaborazione di strategie adattive (coping); • Favorire l’elaborazione dell’esperienza traumatica; • Promuovere il recupero dell’identità individuale; • Favorire il riconoscimento delle emozioni; • Contrastare la solitudine legata alla perdita e al lutto; • Sostenere le persone che hanno perso una persona cara nella pandemia; • Elaborare la perdita e la separazione; • Favorire l‘accettazione di non aver condiviso il momento del decesso; • Sostenere legalmente le persone in difficoltà; ATTIVITA': • Creazione di uno sportello virtuale di ascolto e sostegno individuale con la possibilità di svolge-re una consulenza psicologica a distanza; • Creazione di uno sportello virtuale di ascolto e sostegno individuale con la possibilità di svolgere una consulenza legale a distanza con i professionisti dell’Associazione tutti iscritti al gratuito patrocinio. • Attivazione di percorsi di psicoterapia gratuiti; • Attivazione di gruppi di sostegno con la presenza di uno psicoterapeuta che faciliti e conduca gli incontri al fine di promuovere il ritorno alla normalità ed il superamento del trauma; • Organizzazione di interventi formativi ed informativi sulla gestione delle emozioni, sulle strategie adattative (coping), sulla gestione delle emozioni dei bambini, sulle strategie di autoprotezione e resilienza, oltre che sulle reazioni ai traumi e le relative strategie per superarli. • Attività di comunicazione e promozione dell’iniziativa attraverso la realizzazione di un sito web dedicato al progetto e l’utilizzo dei diversi media. Durata: Il progetto si estenderà per 12 mesi.

http://www.riprendiamocipermano.it

Condividi il progetto sui tuoi social