FALCHI DEL SUD

Rappresentante legale: Emanuele cervelli

Categoria: ambiente | Jul 17, 2021



Descrizione breve: una nostra squadra potrebbe recarsi in un punto strategicamente centrale, dove i dispositivi a pilotaggio remoto garantirebbero una visione a 360° dall'alto. in questo modo si ridurrebbero drasticamente i tempi di individuazione e segnalazione dei roghi boschivi, alla centrale operativa dei vigili del fuoco.



Il tuo sostegno è importante per la tutela del nostro patrimonio.
Con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di accumulare voti e di concorrere all'assegnazione della donazione.

322 voti raggiunti

Descrizione completa: La realizzazione di progetti di monitoraggio antincendio svolti in maniera classica, tramite avvistamento dal suolo e anche da punti di avvistamento favorevoli, ha evidenziato sempre di più la necessità dell'utilizzo di tecnologie innovative per il contrasto al fenomeno degli incendi boschivi. Il nostro obiettivo è quello di utilizzare droni a pilotaggio remoto per l'individuazione rapida di focolai, anche tramite sensori termici, e l'immediata verifica della loro natura e della loro pericolosità, evitando i tempi morti dovuti allo spostamento delle squadre operative necessarie ad effettuare tali verifiche. I vantaggi dell’utilizzo di droni a pilotaggio remoto possono individuarsi anche nella riduzione delle emissioni di CO2 derivanti dall’uso dei nostri automezzi per effettuare le verifiche mirate. Con questi dispositivi aerei si potrebbe far stazionare i nostri operatori in luoghi strategici senza doversi muovere con i veicoli ma usando questo nostro “occhio dal cielo”. L’ammodernamento dei kit diviene fondamentale per soluzioni di intervento rapide ed esaustive. L’ equipaggiamento di eventuali soccorritori e l’utilizzo di attrezzature all’avanguardia deve prendere in considerazione le situazioni che si devono affrontare, spesso molto vicine a dei momenti di criticità imprevedibili. Per beneficiari diretti intendiamo le aree boschive soggette a monitoraggio e prevenzione incendi, nonché la fauna che dimora in tali aree naturali. Beneficiari indiretti sono da considerare, invece, l'ecosistema presente attorno alle aree oggetto di tutela ma anche la popolazione che vive o usufruisce di tutti i servizi ecosistemici che tali aree verdi offrono. Con tali attrezzature, si può anche creare una presenza sempre più significativa di squadre professionali e ben equipaggiate a tutela e difesa del patrimonio boschivo e della fauna selvatica

http://www.falchidelsud.org/

Condividi il progetto sui tuoi social