ASSOCIAZIONE MISSIONARIA SCEGLIGESU

Rappresentante legale: GIUSEPPE GIANNONE

Categoria: sociale | Nov 8, 2022



Descrizione breve: L’ASSOCIAZIONE MISSIONARIA SCEGLIGESU NASCE CON IL DESIDERIO DI ANDARE INCONTRO ALLE PERSONE CHE VIVONO IN CONDIZIONI DISAGIATE CON LO SCOPO DI RESTITUIRE DIGNITÀ AL SINGOLO INDIVIDUO E DARE UNA SPERANZA PER UN FUTURO MIGLIORE. Il raggio d’azione dell’ASSOCIAZIONE comprende non solo i territori italiani ma anche quelli esteri, motivo per il quale l’Associazione ha in corso dei progetti in diversi paesi tra cui: Bosnia ed Erzegovina - PROGETTO BALKANS’ ROUTE Kosovo - PROGETTO KACÀNIK Albania - PROGETTO DIBËR-ZONE Ucraina - PROGETTO HELP UKRAINE Venezuela - PROGETTO VENEZUELA Con questo progetto l’Associazione desidera portare un cambiamento duraturo nella vita delle persone. Un cambiamento che avrà un impatto positivo nella società, e, di conseguenza, nella nazione. È un’aspirazione comune: “cambiare il mondo” e il nostro contributo per raggiungere tale scopo è proprio quello di mettere al centro il singolo individuo.



Il tuo sostegno è importante per la tutela del nostro patrimonio.
Con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di accumulare voti e di concorrere all'assegnazione della donazione.

0 voti raggiunti

Descrizione completa: L’Associazione Missionaria Scegligesu’, costituita nell’anno 2014, è un’Organizzazione di Volontariato che nasce con lo scopo di aiutare le persone in stato di bisogno e non, sia in territorio nazionale che internazionale. PROGETTO HOMELESS Poniamo particolare attenzione ai soggetti che vivono in condizioni di indigenza, tra cui le famiglie bisognose, fornendo loro alimenti e/o beni di prima necessità (dove possibile, anche assistenza sanitaria). Finora il nostro lavoro sociale con coloro che non possiedono una fissa dimora si è particolarmente concentrato nelle seguenti stazioni di Milano: Cadorna, Duomo, Garibaldi e Centrale. Durante l’inverno ABBIAMO parteciPATo con il Progetto Arca per far fronte all’emergenza freddo. Con alcuni abbiamo proprio instaurato un’amichevole relazione e col passare del tempo è stato anche possibile assistere alla loro reintegrazione sociale. Durante questo percorso, infatti, non solo offriamo loro pasti ma andiamo oltre alle etichette sociali e cerchiamo di creare un’ambiente sereno dove poter rivolgere loro parole d’incoraggiamento e conforto, accompagnando loro anche ad una crescita morale, caratteriale e spirituale. Questo permette anche a noi di arricchire il nostro bagaglio culturale e di comprendere maggiormente le diverse prospettive e dinamiche che vivono gli altri. A tal proposito, organizziamo anche attività e campagne che sensibilizzino i cittadini a non rimanere indifferenti a certe situazioni e che facciano accrescere l’empatia e la solidarietà nei confronti del prossimo. PROGETTO CENERENTOLA Lavoriamo anche per combattere contro il traffico umano, cercando di creare rapporti personali con le vittime di questa tratta, fornendo loro una via d’uscita e supporto morale per uscire da questa situazione di sfruttamento. Questo progetto è stato chiamato Cenerentola perché il nostro scopo principale è ricordare loro l’immenso valore che hanno e restituire la loro dignità, facendole sentire accettate e ascoltate. L’Associazione, infatti, si fonda principalmente sull’importanza e sul valore di ciascun individuo. Per questo motivo ci soffermiamo in modo particolare a stabilire relazioni amichevoli che possano trasmettere fiducia, gioia e sostegno. Con le nostre possibilità offriamo loro cioccolatini e succhi di frutta, il tè caldo durante l’inverno per riscaldarle dall’aria gelida della sera e durante le occasioni speciali una rosa come un gesto spassionato che non chiede nulla in cambio. PROGETTO EXTREME Durante i disastri naturali O I CONFLITTI l’Associazione interviene, sia in Italia che all’estero, non solo raccogliendo fondi devoluti totalmente al progetto di soccorso, ma anche recandosi fisicamente sul posto colpito per provvedere a consegnare beni primari e assistere i cittadini vittime del cataclisma. Solo negli ultimi 3 anni, ci siamo recati a Durazzo, in Albania, quando la città è stata colpita da una scossa di terremoto di magnitudo 6.5 nel 2019; e a dicembre del 2020 quando c’è stato il terremoto di magnitudo 6.4 vicino a Zagabria, in Croazia e ci siamo subito mossi per dare sostegno agli afghani durante l’offensiva militare dei talebani che hanno preso la capitale, Kabul. MISSIONI UMANITARIE In Lombardia, durante il periodo del primo “lock-down” causato dalla pandemia, l’Associazione è rimasta operativa. Non soltanto provvedendo ai pasti dei senza-fissa-dimora, ma anche consegnando il banco alimentare alle persone e famiglie che versano in condizioni di difficoltà sociale, provvedendo loro anche di dispositivi di protezione individuale e medicinali palliativi. All’estero attualmente abbiamo in corso il progetto DIBËR-ZONE, il progetto BALKANS ROUTE, IL PROGETTO KAÇANIK E IL PROGETTO HELP UCRAINA. PROGETTO DIBËR-ZONE - Bulqizë è una città albanese dove si estrae il cromo dalla miniera e abbiamo iniziato questo progetto perché gli abitanti di questa città vivono e lavorano in condizioni davvero precarie. Nonostante la ricchezza che può provvedere questo metallo, i cittadini di questa città vivono in povertà e miseria. Per un guadagno davvero minimo rischiano la vita, sia non avendo i dispositivi di protezione adeguati che per i crolli sotterranei dei tetti della miniera. Diversi bambini si sono ritrovati orfani e molti anziché vivere un’infanzia spensierata sono costretti a cercare il cromo tra le macerie. Con questo progetto diamo assistenza ad alcune famiglie, procurando loro cibo e beni primari, e organizziamo attività ludiche ed educative per le diverse fasce di età dall’infanzia all’età adulta con lo scopo di insegnare buoni e sani principi, nonché il sostegno educativo necessario. PROGETTO BALKANS ROUTE - Bihać e Kladusa, invece, sono città bosniache dove molti immigranti si fermano prima di passare al confine con la Croazia con lo scopo di entrare in Europa. Con questo progetto procuriamo loro coperte, giacche e scarpe; consegnando loro anche alimenti. La comunicazione è minima perché pochi parlano in inglese ma con la distribuzione dei vangeli in farsi abbiamo anche la possibilità di trasmettere i valori della fede cristiana. Il lavoro PROGETTO KAÇANIK - Kaçanık è la città più estremista d’Europa. Da questa città diversi membri dell’ISIS sono partiti per creare caos e terrore con i loro attentati terroristici che purtroppo sono risultati in dei veri massacri in alcune occasioni. Considerando la difficoltà e il rischio di parlare con gli adulti estremisti, l’Associazione con l’aiuto e il sostegno del partner “Fellowship of the Lord’s People” Evangelical Church ha messo in atto un modo per arrestare questo fenomeno. Recandosi in questa città abbiamo distribuito regali ai bambini e organizzato delle attività con le quali abbiamo avuto modo di insegnare ai bambini i principi morali dell’essere umano. Non avrà effetto subito ma con questo progetto desideriamo contrastare il terrorismo, influenzando la nuova generazione e incoraggiando loro a sognare e a correre verso un futuro migliore. PROGETTO HELP UCRAINA - L'Associazione è intervenuta immediatamente dopo i primi bombardamenti in Ucraina. Ha operato al confine in Romania e in Ucraina assistendo le vittime della guerra e portando beni e alimenti di prima necessità a famiglie e soldati. Il lavoro svolto sul territorio comprende anche la cosnegna di medicinali e apparecchiature mediche richiesti dagli ospedali e art therapy con i bambini. Le città ucraine raggiunte ad oggi sono: - Vinnycja - Kharkiv - Poltava - Čuhuïv Inoltre, offrendo ai profughi ucraini il trasporto dalla Romania all’Italia l'Associazione ha fornito la prima accoglienza a donne e bambini, aiutandoli poi a raggiungere la loro destinazione abitativa finale. Più di 30 tonnellate di beni sono stati portati in Ucraina. Più di €30.000 di medicine tra cui alcune migliaia da guerra che salveranno parecchie vite.

http://www.humanitarianproject.it

Condividi il progetto sui tuoi social